Feeds:
Articoli
Commenti

Per tutti i gusti

…Ma se preferite le situazioni live, c’è questo.

…E se non vi piace niente di tutto questo, allora c’è questo.

Annunci

Alle 6 attorno al fuoco, alle 8 nell’unica osteria del paese… The Tramonti Experience.img-Z30155758

Padroni a casa nostra…

Non credo che uno Stato sia come una casa -anzi penso che le due cose non abbiano niente in comune. Associare uno all’altra è una delle bugie che ci sono state raccontate negli ultimi vent’anni. Ma proviamo, per un momento, a crederci…

A capodanno sono andato da amici, dalle parti di Verona. Anche questa volta ho percorso la statale, passando per Pordenone, Treviso, Vicenza… Da Casarsa in poi, la strada è un susseguirsi continuo di capannoni, villette, svincoli… Centri commerciali, tralicci, galline… Asfalto, cemento, fango… Rispetto agli anni scorsi, a bordo strada ho notato qualche striscione in più, in prossimità delle aziende chiuse, e immondizia.

La pianura padana è un territorio in buona parte distrutto. Non sto parlando della crisi, ma di cinquant’anni di crimini ambientali, interessi personali & ignoranza che oggi si rivelano per quello che sono: crimini sociali.

“Padroni a casa nostra”… Solo che a casa vostra avete pisciato per terra e cagato sul tavolo. Poi, già che c’eravate, vi siete puliti il culo con le tende. Ad un mio amico, per molto meno, hanno fatto un Trattamento Sanitario Obbligatorio.

Saluti da Portogruaro

l’Omino.

Popolone dei Neri, è l’Albedo che vi parla!
Vi comunico che:

1) per andare a Venezia il 23 dicembre (lunedì) il treno parte alle 13.07 dalla stazione di Udine. Biglietto a carico personale. Sulla banchina della stazione avverrà la selezione: chi non è nero nero dal berretto agli occhiali fin giù alle scarpe, resta a Udine (oppure scende in laguna ma sta per i fatti suoi)

2) per Udine (martedì 24 dicembre) l’appuntamento è per le ore 16 in galleria Astra. Chi non è nero nero ecc., verrà caricato sul treno per Venezia.

3) Non esiste un luogo dove trovarci per la sbaffa finale. Se qualcuno ha una soluzione, ci parliamo a Venezia fra un inchino e l’altro.

4) Eventuali rimasugli della questua quest’anno verranno devoluti alla cultura.

Appuntamento quindi in stazione il 23. Chi non ha uno strumento, porti con sé la voce e la voglia di cantare.

Viva la figa.

“Era un po’ che lo sentivo cigolare…” (l’Omino)

Back to osteria

Un’altra iniziativa meritoria verrà perpetrata domani sera, in quel di Udine. Praticamente si tratta di un corso intensivo di Friulano, ma divertente.
Pozzo 2

P.G… La crisi sei tu.

35 euro al giorno x i migranti. X 31 gg. Fate i conti. E i nostri operai? Senza cig. Senza futuro. Paese non moribondo, morto. E la causa è anche di ognuno di noi. (P.G. -laureato- su Facebook).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: